PERCORSO EPILESSIA / Lavoro
Lavoro

Lavoro: destinato ai soggetti con epilessia

Con l'introduzione della nuova Legge n.68/99 per il collocamento delle persone invalide sono cambiate parecchie cose e sono ancora in corso l'emanazione di direttive per la sua completa applicazione. Attendiamo il perfezionamento di questi atti per ridefinire questo tema.

ope_lavoro La maggior parte delle persone con epilessia non necessitano di particolari aiuti per diventare economicamente attivi. Qualche volta, tuttavia, l' epilessia causa problemi di una certa entita' nel trovare e, successivamente, mantenere il posto di lavoro. Nel nostro Paese, al contrario di altri paesi europei, manca una legislazione sulla epilessia, che aiuti e favorisca l' inserimento sociale e lavorativo, del soggetto con epilessia. In Italia esistono due tipi di collocamento: 1) il collocamento ordinario, con iscrizione della persona in cerca di lavoro presso gli Uffici del Lavoro e della Massima Occupazione. 2) il collocamento obbligatorio in base alla L. 68/99 (ex L. 482/68) (invalidita' civile); Possono iscriversi al collocamento obbligatorio gli invalidi civili con una riduzione della capacita' lavorativa superiore al 45% (D.L. n° 509/88 art. 7); L' obbligo di assunzione riguarda i datori di lavoro privati, le Amministrazioni, le Aziende e gli Enti Pubblici con piu' di 35 dipendenti. Il collocamento avviene tramite l' Ufficio Provinciale del Lavoro sez. Invalidi Civili. La richiesta d' iscrizione deve essere presentata al citato ufficio dagli interessati.

Contattaci direttamente: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Epilessia generalizzata con crisi annuali in trattamento 20% fisso
Epilessia generalizzata con crisi mensili in trattamento 46% fisso
Epilessia generalizzata con crisi plurisettimanali/quotiniane in trattamento 100% fisso
Epilessia localizzata con crisi in trattamento 10% fisso
Epilessia localizzata con crisi mensili in trattamento 41% fisso
Epilessia con crisi plurisettimanali/quotidiane in trattamento da 91 a 100%
 

Non basta certo il rapporto tra tipo e numero di crisi per definire lo stato invalidante e la possibilita' di accesso al collocamento obbligatorio. Risulta evidente nella definizione di questa tabella il mancato coinvolgimento sia dell' Associazione sia della Lega Italiana contro l' Epilessia. Certamente necessita una sua revisione. (torna all'indice)

Lavoro destinato ai datori di lavoro pubblici e privati

Nella valutazione di un dipendente o in quella di un soggetto in cerca di lavoro, il datore di lavoro deve essere a conoscenza dei punti fondamentali riguardo l' epilessia ed il suo possibile impatto sull' esercizio del lavoro assegnato. I punti principali sono cosi' riassunti:

1) le crisi possono assumere diverse forme e molte persone subiscono solamente una crisi in tutta la loro esistenza, in tali situazioni l' epilessia non viene solitamente diagnosticata;

2) quando un soggetto e' colpito dalla prima crisi, possono aversi effetti negativi in termini di fiducia in sé stesso e la persona necessitare di un supporto psicologico e di un' istruzione riguardo l' epilessia;

3) in molti casi le crisi che si verificano con una certa frequenza possono essere completamente controllate attraverso un' appropriata terapia. Questa e' comunemente costituita dalla somministrazione di anti-epilettici (regolarmente e spesso per sempre);

4) gli anti-epilettici se propriamente prescritti non producono alcun effetto secondario comportante particolari conseguenze sulle prestazioni lavorative;

5) solamente in una minoranza di casi potranno presentarsi crisi sul lavoro o avere peggioramenti qualitativi delle prestazioni lavorative dovuti agli anti-epilettici;

6) in questi casi la valutazione di un medico esperto in epilessia potra' spesso portare miglioramenti nel controllo delle crisi e ridurre notevolmente questo tipo di problemi;

9) malattie, assenze ed incidenti sul lavoro non risultano essere piu' frequenti in soggetti epilettici che in altri lavoratori;

8) i lavoratori affetti da epilessia non necessitano di un particolare tipo di assicurazione.   (torna all'indice)

 

Epilessia e Lavoro:

destinato alle Organizzazioni SindacaliAdattabilita' al tipo di lavoro scelto

La maggior parte dei lavori puo' venire esercitata anche da soggetti epilettici. Quando una persona affetta da epilessia possiede i giusti requisiti e la necessaria esperienza, l' adattabilita' al lavoro dovrebbe normalmente essere scontata. Seguendo le linee indicate di seguito si dovrebbe riuscire ad assicurare che nessuna ingiusta restrizione sia imposta:

a) qualora sia richiesto un parere medico circa l' adattabilita' di particolari lavori a soggetti epilettici, dovrebbe essere tenute in considerazione le caratteristiche del lavoro ed i fatti conosciti riguardo la malattia ed il verificarsi delle crisi;

b) proibizioni senza valide motivazioni dovrebbero essere evitate;

c) per quei lavori in cui e' risaputo esservi un rischio elevato a livello fisico per il lavoratore o per terze persone, le organizzazioni competenti dovrebbero essere sentite per riuscire a portare questo rischio potenziale ad un livello accettabile.

Solamente in quelle situazioni nelle quali questo non puo' essere effettuato, restrizioni nell' assunzione possono essere giustificate.


 

5x1000

 
SEGNALA criticità...
discriminazione, carenza farmaci, effetti collaterali, mala sanità, costi impropri...

SONDAGGI

Cerca nel sito

AmorSuBilanciaLorenzoLotto33 190




Newsletter