BARBESACLONE gr 100 - 40 cps

Nella nota AIFA del 21 maggio u.s. si legge: "AIFA, in collaborazione con l'Ufficio Centrale Stupefacenti del Ministero della Salute, le aziende Salars S.p.A., Abbott S.r.l. e Abbvie S.r.l., ha stabilito per consolidare la continuità terapeutica ai pazienti in terapia con barbesaclone e per garantire l'accesso al farmaco anche a nuovi pazienti."

Un risultato che stabilizza una grande battaglia fatta dalle persone con epilessia in terapia con il Maliasin e le loro associazioni che a fronte del ritiro e di un atteggiamento del mondo professionale di mera sostituibilità con altro, imposero la continuità di terapia a fronte di farmaco che, nel loro caso, li teneva liberi da crisi e con minor effetti collaterali.

Una insostituibilità del farmaco che determini la libertà da crisi o riconosciuto miglioramento della qualità della vita che sarà poi ripreso da AIFA nella battaglia che si fece sul Levetiracetam e Topiramato.

Di seguito riportiamo, grazie all'importante contributo a questa battaglia dato da Marta Marina Tropea, alcune memorie della vicenda. 

 

Consolidando il successo per il diritto alla continuità terapeutica conseguito dalle persone già in terapia con il farmaco Maliasin ecco le disposizioni AIFA per predisporre le richieste e l'accesso al farmaco Barbesaclone - (allegato) 25 mg e 100 mg compresse rivestite prodotte nell'officina Abbvie S.r.l. utilizzando il principio attivo prodotto nell'officina SALARS a partire dal prossimo luglio.

 
 
Una possibilità sia per coloro che erano in terapia con il Maliasin sia per nuove prescrizioni.

Rivolgetevi al vostro medico specialista.

Alcuni appunti sulle precedenti vicente:

Il 23 Maggio c'è stato un incontro con i Dirigenti AIFA del Ministero della Salute sul farmaco Maliasin/Barbesaclone.

Marta Marina Tropea ha partecipato per AICE all'incontro che ha visto oltre le rappresentanze laiche la partecipazione dei professionisti Prof. Mario Manfredi e il Dr. Aldo Paggin e quella delle case farmaceutiche ABBOTT e ABBVIE.

Dalla riunione è emerso che da luglio la casa farmaceutica ABBVIE inizierà la produzione del nuovo farmaco chiamato, come il principio attivo, "BARBESACLONE", da 25 mg. ed in seguito da 100 mg.

Le persone in terapia con il Maliasin, sino all'immissione in commercio del nuovo farmaco "Barbesaclone"  potranno ritirare il farmaco "Maliasin" presso i centri di distribuzione indicati da AIFA.

A seguito dell'incontro AIFA ha dato informazione sul proprio sito e pubblicato proprio comunicato.

DI SEGUITO QUADRO DI SINTESI DELLA VICENDA REDATTO DA Marta Marina Tropea, che ringraziamo:

"Relazione sul farmaco antiepilettico Maliasin dal ritiro dal commercio ad oggi.

 
Nell'ambito del sistema  farmaceutico Italiano, uno dei casi più controversi e combattuti è stato quello che ha interessato il Farmaco antiepilettico Maliasin. Le problematiche reative a questo farmaco sono iniziate a seguito  del ritiro dal commercio  nel Dicembre 2009 da parte della casa produttrice Abbott per motivi commerciali, creando un gravissimo disagio alle persone in cura con tale Farmaco e che in tale farmaco avevano trovato uno stile di vita dignitosa.


Conseguentemente a queste vicende si è creato spontaneamente su internet un movimento di persone interessate a detto farmaco che si è concretizzato con la nascita del Gruppo Maliasin, un news group di persone che hanno trovato in questa applicazione, tramite internet un mezzo per aggregarsi e scambiarsi notizie sia sulla possibilità di reperire il farmaco che sulle modalità di "lotta" che poteva essere intrapresa per riavere il Maliasin, e di conseguenza  il diritto alla continuità terapeutica.


L'attivismo di alcuni componenti, e mio personale ha portato a contatti ripetuti ed ininterrotti con le Istituzioni, oltre che con associazioni dedite alla cura e sostegno di questa malattia. L'associazione che ha datto maggior sostegno alla richiesta di ripristino del Maliasin è stata l'AICE,(Associazione Italina Contro l'Epilessia ) ed  in particolare l'AICE Lazio della quale sono associata e Vice Presidente, che credendo nelle motivazioni e nelle ragioni dei pazienti rappresentati nel Gruppo Maliasin, ha intrapreso una battaglia al fianco di questi.




Personalmente non ho mai smesso di lottare ,nella convinzione che tutto si sarebbe risolto per il meglio . Dopo lunghe ed ininterrotte  richieste di ripristino facendo valere le nostre motivazioni sia al Ministero della Salute ed AIFA ci hanno
riconosciuto il diritto alla  la continuità terapeutica.

  1. Obbiettivo: con la determina del 4/4/ 2011 L'AIFA autorizzava la casa farmaceutica Abbott alla distribuzione di un lotto rimasto in giacenza, ma in perfetta conservazione che permetteva alle persone di continuare a curarsi con il farmaco che per anni gli ha permesso di vivere una vita dignitosa e salutare .
  2. L'AIFA in collaborazione con l'Ufficio Centrale Stupefacenti del Ministero della Salute ha fatto tutto il possibile per venire incontro alle persone, infatti l' azienda Salars. s.p.a.ha acconsentito alla richiesta conguinta di AIFA e Ministero Della Salute di produrre il principio attivo Barbesaclone.
  3. Nei prossimi mesi l'azienda ABBVIE s.r.l.  Inizierà la produzione del medicinale finito, con il principio attivo Barbesaclone fabbricato in italia.

Quando la nuova produzione del Barbesaclone sarà disponibile AIFA e Ufficio Centrale Stupefacenti provvederà a pubblicare una nuova comunicazione.

Il nostro obbiettivo è ridare il giusto farmaco con il quale migliaia di pazienti si curavano e vivevano bene, il tutto si stà concretizzando con nostra, e mia personale soddisfazione, Marta Marina Tropea."

 

 

5x1000

 
SEGNALA criticità...
discriminazione, carenza farmaci, effetti collaterali, mala sanità, costi impropri...

SONDAGGI

Cerca nel sito

AmorSuBilanciaLorenzoLotto33 190




Newsletter